Cerca
  • SPS DEHTEC

Mobile First: la Parola d’ordine di Google - dal 1° Luglio

Negli ultimi anni il “fenomeno mobile” è stato un crescendo. Attualmente infatti la società civilizzata non riesce a vivere senza lo smartphone in mano. Oltre a quest’ultimo, a prendere sempre più piede, è stato il mondo del web che ormai è parte integrante della vita di ognuno di noi.

Anche Google si è reso conto dell’importanza del mobile per i suoi utenti e ha deciso di intervenire. Infatti, Google sta intensificando i suoi sforzi affinché il Web sia più mobile friendly. Questo perchè vuole riflettere il trend delle abitudini degli utenti e lo fa attraverso il Mobile First Indexing.



Che cos’è il Mobile First Indexing?

Per Mobile First Indexing s’intende che dal 1 luglio la versione Mobile del proprio sito diventerà il punto di partenza per google per decidere che cosa includere nella sua indicizzazione. E questo sarà poi la base per determinare il ranking.

C’è da dire però, che Mobile First non vuol dire Mobile Only, infatti la versione Desktop può essere ancora indicizzata, ma la mancanza di un’esperienza mobile soddisfacente, influenzerà in maniera negativa sul Ranking.

Si deve pensare, dunque, che un sito in versione desktop che offre anche una buona esperienza Mobile, viene premiato da Google.

Il punto chiave per capire Google come agirà, è che bisogna guardare alla versione mobile come alla versione base del sito.

Allo stato attuale si parla di fase test e quindi il Mobile First sarà introdotto gradualmente.



Come intervenire sul proprio sito: alcuni consigli

Se si ha un sito responsive o le due versioni desktop e mobile sono identiche, probabilmente non occorre fare nulla, basterà garantire una buona velocità di collegamento tra le pagine, navigazione e che le immagini o tutti gli altri elementi dinamici siano ottimizzati correttamente per l’esperienza Mobile.


Il problema sorge quando si hanno 2 siti distinti, perché è necessario verificare alcune accortezze:


Contenuti.

E’ fondamentale che tutti i contenuti della versione mobile abbiano tutti i contenuti di alta qualità della versione desktop.


Dati strutturati.

Bisogna evitare tutti i dati strutturati che non sono pertinenti ai contenuti del proprio sito.


Metadata.

E’ necessario verificare che Title e Meta Description siano equivalenti; non per forza identici, ma che contengano le stesse informazioni.


Anche se si partirà solo con una fase di test, è indispensabile però, stare al passo con gli aggiornamenti e nuove regole di Google.


Come fare dei collaudi dei propri siti in versione mobile e desktop in poco tempo? Forse c’è una soluzione: basta affidarsi a delle Community di tester.

Le Community di Tester sono specializzate nel collaudo di siti per medie e grandi aziende, riuscendo a dare ottimi risultati in breve tempo.

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti